L’invenzione più pericolosa del ventesimo secolo non è stata, come molti credono, la bomba atomica, ma l’immondizia.

Non si ha idea di quanti milioni di tonnellate di rifiuti vengono prodotti dalle cosiddette civiltà progredite, e di quanti milioni di tonnellate si apprestano a produrre (per legittima par condicio) i paesi in via di sviluppo. In Italia si calcola che ogni abitante produca nel suo piccolo un chilo e 650 grammi di spazzatura al giorno, come dire sei quintali l’anno, o, se preferite, 48 tonnellate nel corso della vita, pari a ottocento volte il proprio peso corporeo.

A detta della Legambiente, se mettessimo uno sopra l’altro tutti i vuoti a perdere che gettiamo via ogni anno in Italia, verremmo a costruire una torre alta un milione di chilometri, come dire il triplo della distanza tra la Terra e la Luna. Nei pressi di New York esiste una discarica, grande come Caserta, dove, per inoltrarsi, sono necessari speciali carri cingolati e apposite tute spaziali. Secondo alcuni, in questa enorme trash-land newyorkese sarebbero nate addirittura nuove specie animali non ancora catalogate dagli zoologi.

Luciano De Crescenzo, Ordine & disordine

Annunci